Il futuro dello Sport post COVID-19

 Il futuro dello Sport post COVID-19

Se sei un amante dello sport sei sicuramente felice di vedere come le competizioni stiano man mano riprendendo. Più sicurezza, più controlli e soprattutto un maggior senso comune potrebbero essere la soluzione alla maggior parte dei problemi che hanno caratterizzato gli ultimi mesi. Partite a porte chiuse e campionati sospesi a breve saranno solo un brutto ricordo.

Se fino a qualche settimana fa il futuro sembrava piuttosto roseo, sono di nuovo spuntate delle nuvole grigie all’orizzonte. Tra fine agosto ed inizio settembre diverse squadre di calcio in Serie A, così come altri team a livello europeo, si sono ritrovate con calciatori o tecnici affetti dal COVID-19 e le conseguenze sono state spiacevoli.

Il tecnico del Bologna Mihajlovic è risultato positivo (ora guarito e fuori pericolo), così come i calciatori della fiorentina Pulgar e Ghidotti. Quattro casi anche per il Cagliari, l’attaccante del Napoli Petagna, il romanista Mirante e diversi calciatori in vacanza sulle coste della Sardegna.

Senza nasconderlo più di tanto, diciamolo, anche le scommesse sportive ci sono mancate. L’ebbrezza di sapere che quel goal, quell’under o la vittoria della nostra squadra del cuore possano portarci in tasca qualche soldo ha sempre il suo perché. 

Se prima ci si recava nei centri di scommesse anche per fare due chiacchiere con l’amico, seguire degli eventi in diretta e cambiare aria durante il percorso, ora non è proprio il momento più adatto per tutto ciò. Ecco che ci vengono incontro i siti di scommesse, tra i tanti BetFlag è tra i più avanzati e semplici da usare, con quotazioni degne dei più importanti siti di scommesse sportive.

Le partite di calcio sono solo la punta dell’iceberg. Su BetFlag troviamo anche Automobilismo, Basket, Ciclismo, Pallavolo, Tennis, Football Americano e una nuova tipologia di sport che sta prendendo quota di recente: gli E-Sports. Si, ora è possibile scommette sulle competizioni dei tornei di videogames, ritenuti ormai a tutti gli effetti degli sport.

La Figc chiede un prolungamento del periodo di tempo tra un tampone l’altro, fino a circa 10 giorni, aumentando però i test sierologici. La speranza di tutti gli appassionati di sport è una ed è condivisa da tutti: arrivare il prima possibile a mettere una pietra sopra su tutto ciò che sta succedendo. Con questo obiettivo in mente, le Leghe stanno lavorando per raggiungere un accordo con il governo riguardo un protocollo di sicurezza più leggero. L’obiettivo è sia riuscire a contenere i contagi e preservare la salute dei giocatori così come quella dei tifosi, sia riuscire a sostenere gli eventi e le competizioni, ridando agli italiani l’emozione di andare allo stadio o di accendere il televisore e provare le emozioni che fino a qualche mese fa erano a cadenza settimanale e ora invece possono tornare a mancarci da un momento all’altro. 

Pubblicità

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *